Croce Rossa Italiana - Comitato di Pisa
LUCCA – Una lettera sincera, accorata, a tratti severa. Rivolgendosi ai suoi volontari non usa giri di parole. Rosario Enzo Fasano, presidente della comitato provinciale della Croce Rossa di Lucca, di fronte alle esternazioni di alcuni volontari – che sull’onda dell’emergenza migranti avrebbero scritto frasi offensive su Facebook lasciandosi andare anche a commenti razzisti – ha preso carta e penna. «Mi vedo costretto ancora una volta a stigmatizzare il comportamento di alcuni di voi circa il modo di operare e l’atteggiamento da tenere quando si decide di entrare a far parte della Croce Rossa Italiana» attacca Fasano.

«CHI NON SI RICONOSCE NEI NOSTRI VALORI, SE NE VADA»
Nella sua lettera si fa appello alle «enormi e nobili» responsabilità che spettano a un volontario della Croce Rossa. Cioè «aiutare chiunque si trovi in uno stato di bisogno, senza alcuna distinzione». E per evidenziare l’enfasi delle sue parole, Fasano non risparmia il carattere maiuscolo. Come se volesse dare più corpo e sostanza alla sua missiva. L’ha fatto affinché i “suoi” volontari ascoltino davvero ciò che lui ha da dire.
Il presidente del comitato provinciale fa appello ai principi fondanti del movimento. «Forse non si è del tutto consapevoli del peso che ha il simbolo che indossiamo» scrive. «Forse non si riesce a comprendere che l’emblema della Croce Rossa è sinonimo di fratellanza e solidarietà. Il nostro scopo è fare del bene, senza “se” e senza “ma”. Chi di voi non si riconosce in questi valori e non ne condivide il senso, dovrebbe avere la decenza e la dignità di andarsene dalla Croce Rossa e dedicare il proprio tempo libero ad altre attività».
 


«ESISTE SOLO LA RAZZA UMANA»
«Sono costretto a dover fare questo richiamo perché, mai come in questi giorni, mi giungono voci che raccontano di volontari che mostrano insofferenza nei confronti di razze, religioni, culture e colore della pelle che non siano uguali ai propri» scrive ancora Fasano. «Leggo commenti sui social network che rasentano il razzismo o la xenofobia», aggiunge. «A questi pseudo volontari vorrei far presente che non esistono razze, religioni, culture, colore della pelle. Esiste unicamente la razza umana».


 
IL RICHIAMO ALL’ORDINE


Infine Fasano giustifica la sua e-mail con un paio di allegati. Il primo riguarda proprio i principi fondanti della Croce Rossa («ho la sensazione che qualcuno non li abbia mai letti»). Il secondo è invece una foto di «disperati in fuga dalla guerra e dalle discriminazioni». E qui arriva il colpo di grazia. «Vi invito a individuare un viso e provare a sostituirlo a quello di qualcuno a noi caro», scrive ancora Fasano. «Immaginate cosa si potrebbe provare a sapere che un nostro caro è in quelle condizioni. E stabilite voi la sorte che dovrebbe toccargli». Ecco, immaginiamolo.
 
23 aprile 2015
di Gianluca Testa
sociale.corriere.it
 
 
 
 
 
 
 
 

dona il tuo 5X1000

5x1000 2019

Elezioni 2020

Elezioni 2020

Iscriviti al corso base CRI

Diventa volontario1

Le Baleari CRI-Pisa Hotel

Foto logo

MIUR

MIUR

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente.