Croce Rossa Italiana - Comitato di Pisa

Gli ospiti della struttura gestita dalla Croce Rossa hanno già dato la disponibilità a partecipare a progetti sull’ambiente e la sicurezza d’intesa con la comunità locale
di Donatella Lascar

TIRRENIA. Le celebrazioni della giornata mondiale del malato, con le associazioni di volontariato, oggi in Duomo a Pisa, sono l’occasione per vedere all’opera i giovani migranti volontari, provenienti dal Centro di San Domenico, che parteciperanno e presteranno aiuto a chi ne ha bisogno.
Parole chiave, “partecipare”, “prestare aiuto”, “essere utili” a cui si ispirano i progetti che presto coinvolgeranno i quaranta giovani migranti ospiti al Podere Lamone, che all'unanimità, nel corso di una riunione organizzativa nella struttura, hanno dato totale disponibilità a svolgere attività di pubblica utilità sul litorale.
Malgrado le diffidenze e le paure emerse nel corso dell'assemblea pubblica di lunedì scorso al bagno della Croce Rossa in merito alla presenza dei migranti sul litorale, in diversi, tra marinesi e tirrenesi, si sono offerti di fare qualcosa per questi ragazzi. «Qualcuno, ed esempio, ha parlato d'insegnare loro l’italiano - ha spiegato Antonella Petrinelli, volontaria della Croce Rossa e referente della struttura del Lamone - l'importante è collaborare tutti insieme».
L’assessore al sociale Sandra Capuzzi è già al lavoro e venerdì scorso ha tenuto una riunione informale con diverse realtà del territorio per capire qual è la disponibilità, la maniera e la possibilità d'impiegare questi migranti in lavori socialmente utili. «Siamo ancora in una fase preliminare - precisa l'assessore - ci sono persone che hanno dato la loro disponibilità e a tale proposito, tengo a precisare che la disponibilità dataci è a carattere trasversale, nel senso che proviene sia da destra che da sinistra. Questo significa che ciò che è successo lunedì sera non rappresenta il territorio. Una volta sondato il terreno e con qualcosa di concreto, tra 15/20 giorni faremo un'altra assemblea. Lunedì sera ho capito che ci sono temi molto sentiti sul territorio, come quello dell'ambiente e la sicurezza quindi, uno degli impieghi potrebbe essere nel recupero ambientale e nel presidio della sicurezza. Per il primo aspetto c'incontreremo anche con il Parco». All'assemblea di lunedì hanno assistito anche alcuni dei migranti ospiti al Lamone che, da quanto riferito

dalla responsabile della struttura, hanno vissuto i toni forti che sono stati usati dalla platea nei loro riguardi, con grande rispetto, consapevoli di dover dimostrare di essere una presenza positiva per i cittadini e che l'eventuale errore di uno solo di loro è un passo falso per tutti.

Il Tirreno

 

 

 

 

Lutto

 

Leonardo Giordani
 
Antonio Lazzaro
 

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente.