Croce Rossa Italiana - Comitato di Pisa


Pisa “abbatte” le barriere in centro e sul litorale

Grazie al progetto “Turismo SuperAbile” più accessibili stabilimenti balneari e percorsi culturali in città, tutti mappati, a cominciare da quello sulle mura

PISA. Si chiama “Pisa e il suo litorale: Turismo SuperAbile in città e al mare”, ed è il nuovo progetto realizzato dall'Associazione Nazionale Onlus "Handy Superabile", da tempo impegnata nella promozione di un turismo più accessibile: l'obiettivo è quello di garantire un insieme di strutture e di servizi che consentano a clienti con bisogni speciali (non solo portatori di handicap, ma anche anziani o famiglie con bambini) di poter viaggiare e visitare i luoghi del bel Paese.

Stefano Paolicchi
L'iniziativa è stata presentata dal presidente dell’associazione, Stefano Paolicchi, assieme al vicesindaco di Pisa, Paolo Ghezzi, e al Presidente della Fondazione Banca di Fornacette Onlus, Piero Fassorra, che ha sostenuto economicamente parte del progetto. Entrambi, assieme alla Croce Rossa Italiana Comitato di Pisa, testimoniano il sostegno ottenuto dagli enti istituzionali, che hanno sin dall'inizio compreso l'importanza dell'iniziativa. Quest'ultima ha coinvolto il centro storico di Pisa e il suo litorale, i cui itinerari turistico - culturali sono stati visitati da uno staff di esperti per misurare quanto essi siano effettivamente praticabili dalle persone affette da disabilità. Come ha spiegato il Presidente Paolicchi «il risultato di questo lavoro, cominciato nove anni fa con la mappatura degli stabilimenti balneari del litorale pisano, è sfociato nella realizzazione di vere e proprie schede di accessibilità e di report fotografici, in grado di fornire tutte le informazioni necessarie ai viaggiatori con esigenze speciali». Tutto questo materiale è consultabile dal portale di Handy Superabile, un motore di ricerca unico nel suo genere: sono più di 500 le strutture e gli itinerari turistici presenti, in Italia e all'estero, per cui è possibile avere una conoscenza completa della loro accessibilità, dai trasporti fino all'accoglienza. Per quanto riguarda le spiagge pubbliche del litorale pisano, sono stati 51 gli stabilimenti balneari che hanno aderito al progetto, dimostrando come la situazione sia migliorata rispetto alla precedente mappatura, pur con la presenza di alcune criticità. Infatti, se l'aspetto informativo e turistico è fondamentale, il progetto ha anche lo scopo di riscontrare le barriere che ostacolano la fruizione dei luoghi turistici, come la mancanza di parcheggi riservati ai portatori di handicap. Invece, per la città di Pisa, sono stati esaminati i vari percorsi del centro storico cittadino: la guida turistica, oltre alla mappa della percorrenza, riporta anche i monumenti di interesse, provvisti di informazioni più specifiche sull'accessibilità e sui servizi igienici utilizzabili. Inoltre è presente l'itinerario della passeggiata sulle Mura, recentemente aperte al pubblico e ora visitabili per un tratto anche dai portatori di handicap, grazie alla realizzazione di tre ingressi dotati di ascensori. La guida, che è stata pubblicata anche sul portale del Comune di Pisa per quanto riguarda

i siti cittadini, è frutto di un progetto che mira a conoscere le potenzialità, ma anche i limiti del territorio. Solo così si potrà valorizzare appieno un patrimonio artistico il cui valore, valutato non solo in termini economici, è tale se realmente condiviso.

Sara Venchiarutti

iltirreno.gelocal.it

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente.