Croce Rossa Italiana - Comitato di Pisa

Si è appena conclusa la quarta edizione del Summer Camp 2019 - Palestina, voluta da Croce Rossa Italiana in collaborazione con il Comitato CRI di Pisa - settore Cooperazione Internazionale e la Palestine Red Crescent Society.
Il Summer Camp 2019 è stata una bellissima esperienza – ci dicono i coordinatori - e, molto importante, di anno in anno ci permette di incontrare i volontari della Mezzaluna Rossa. I ragazzi si sono divertiti e, nonostante il gran caldo, è stato possibile svolgere tutte le attività previste dal programma sia quelle di svago e ricreative, sia quelle dedicate alla cultura ed all’informazione.


Anche quest’anno il gruppo è stato accolto a Palazzo Gambacorti da rappresentanti del Comune di Pisa ed ha potuto visitare i monumenti di Piazza dei Miracoli grazie alla Direzione dell’Opera Primaziale.


Molto bella la serata trascorsa con il Coro Norvegese Defrost Youth Choir, che si è esibito per il Comitato presso la chiesa di Sant’Anna a Pisa alla presenza dei volontari e degli ospiti del Summer Camp: in ricordo di questo incontro, il coro spedirà alla Mezzaluna Rossa Palestinese il tamburo usato nella serata del concerto, con tanto di dedica “With Love from a Distance” e le firme di tutti i componenti del coro.
Il Camp si è concluso con la serata di saluti presso il Coeb, presenti oltre a molti volontari CRI anche il presidente Antonio Cerrai e l’Imam di Pisa Mohammed Kalil, Presidente della Associazione islamica pisana.


In tale occasione si è potuto condividere con i ragazzi, gli accompagnatori ed i volontari che sono stati impegnati durante tutto il periodo, le impressioni sull’esperienza del Summer Camp. La serata, molto emozionante e intensa, e si è conclusa in modo festoso con balli e la semplice gioia di stare insieme. E’ stata simbolicamente issata la bandiera della Mezzaluna Rossa.


Il gruppo, all’indomani, accompagnato a Roma dai volontari CRI del Comitato romano, prima di prendere l’aereo per il rientro, ha potuto effettuare una visita della città, con grande soddisfazione dei ragazzi.
I coordinatori dell’evento desiderano ringraziare oltre al Presidente Cerrai, sotto la cui guida è nato questo percorso, tutti coloro che a qualunque titolo hanno contribuito alla buona riuscita del progetto.

djembe del coro norvegese Defrost youth Choir donato ai ragazzi del Summer Camp Palestina 2019

Djembe' del coro norvegese Defrost youth Choir donato ai ragazzi del Summer Camp Palestina 2019


Un ringraziamento per la partecipazione prestata dai comitati territoriali CRI di Donoratico, Firenze, Pontedera, Montecatini. Ringraziamo inoltre la Piaggio, il Consorzio Turistico Volterra- Val di Cecina, La Certosa di Calci e il Museo di Storia Naturale della Certosa per la disponibilità dimostrata.
Palestine Summer Camp 2019: una bella esperienza di vita per tutti coloro che vi hanno preso parte, di condivisione e di profondo riconoscimento della nostra comune Umanità, al di là di ogni differenza sociale, religiosa, razziale, culturale.

Alessandra Pollina

 

Summer Camp 2019

 

 

 

 

 

Si è concluso domenica 7 luglio, nella bellissima cornice del Centro Operativo e Balneare della Croce Rossa di Pisa, Discovery CRI il progetto attivato dai Giovani del comitato rivolto a ragazzi dagli 8-13 anni.

Sono stati 21 i minori che dal 19 di maggio hanno deciso di mettersi in gioco per scoprire le attività della Croce Rossa.

Dall’Idea di Dunant ai principi fondamentali, dalla protezione civile al primo soccorso, dagli stili di vita sani ai cambiamenti climatici; in ogni incontro è stata portata avanti una singola tematica, sfruttando attività create ad Hoc.

Non poteva mancare poi la sfida finale, fatta in riva al mare. Due squadre si sono affrontate in numerose prove a tema, incentrate su quanto fatto nei precedenti appuntamenti.

Al termine delle attività è stata organizzata un’apericena alla presenza del Presidente, per ringraziare sia i piccoli partecipanti per l’impegno ma anche le famiglie per la fiducia mostrata. Durante la festa, sono stati consegnati ai ragazzi gli attestati di partecipazione, insieme ad un piccolo ricordo di questa avventura.

All’interno del percorso, infatti, è emersa la volontà di compiere gesti concreti per migliorare le cose. In particolare, un impegno condiviso da tutti è quello di limitare l’utilizzo di plastica monouso. Proprio per questo motivo, il gadget scelto non poteva non essere una borraccia in alluminio da portare ovunque, evitando di usare bottigliette in plastica.

“Prima di essere un’associazione la CRI per noi è una famiglia. Una famiglia pronta a fornirti spunti utili per crescere. Una famiglia che ti mette alla prova. Abbiamo ideato l’ultima giornata del progetto sperando di trasmettere queste emozioni, che ci accompagnano ogni volta che indossiamo una divisa. Discovery CRI spero sia stato un trampolino di lancio verso il mondo del volontariato. Ci tengo davvero tanto a ringraziare tutti gli istruttori ed i formatori CRI, le Infermiere Volontarie, lo staff del CO&B che ci hanno aiutato in questa avventura. In ultimo voglio ringraziare la mia squadra: i Giovani che con orgoglio rappresento ogni giorno. Una squadra che è cresciuta negli anni ed è destinata a crescere ulteriormente.”  Queste sono state le parole espresse da Salvatore Argese, Rappresentante dei Giovani di Pisa.

"Sono davvero contento di vedere questi ragazzi così motivati e felici". Ha commentato il Presidente della CRI di Pisa, Cav. Uff. Antonio Cerrai, "Spero di vedere l’anno prossimo tutti coloro che compiranno 14 anni all’interno delle nostra associazione. Abbiamo bisogno di giovani per coinvolgere altri giovani. Ringrazio le famiglie per la disponibilità e la fiducia. Non posso poi, non ringraziare i nostri Giovani. Sempre pronti a porsi nuove sfide, pronti a sperimentare percorsi mai provati."

La serata è terminata con un grande interrogativo: “L’anno prossimo lo rifarete”?

Salvatore Argese

8 13 2019

 

 

 

 

 

In un clima familiare e gioioso, con l’aiuto dei volontari e la partecipazione di tutto il paese, sono stati due giorni di musica, spettacolo e buon cibo alla festa di Croce Rossa a San Giovanni alla Vena. Grazie all’impegno dei volontari di CRI, con il patrocinio del Comune di Vicopisano e la generosità di moltissimi sponsor locali, si è infatti svolta il 5 e 6 luglio l’ormai tradizionale festa in piazza i cui fondi raccolti saranno devoluti all’acquisto di un particolare mezzo di soccorso per le emergenze.

Venerdì sera, nell’ambito dello spettacolo “Sanremo negli anni “, si è ripercorsa la storia delle canzoni della famosa kermesse italiana, grazie all’esibizione di vari artisti, come il Maestro Carlo Bernini, responsabile artistico di Andrea Bocellli, Debrah, Maurizio Galleni,Teresa Libroria e Giulia Balducci.

Sabato sera è stato il gruppo comico “Scaccia Penseri” a portare il sorriso alle moltissime persone intervenute. Entrambi gli spettacoli sono stati preceduti dall’ottima e abbondante cena dal sapore tutto toscano preparata dai volontari stessi grazie alle cucine del Nucleo Cucine Mobili CRI di Lucca. Emanuel Felloni, presidente dell’unità territoriale di CRI, si dichiara molto soddisfatto e rivolge un applauso dunque a tutti coloro che hanno reso possibile a vario titolo lo svolgimento di questa manifestazione.

Alessandra Venturi

 

CRI San Giovanni 2019

Foto: Paola Pollina

 

 

 

Con la consegna degli attestati si è concluso ieri sera il Corso Base 219

219 Corso Base e corso TS SA

27 nuovi volontari hanno superato l’esame tenutosi alla fine delle 10 lezioni previste dal corso, corso in cui si apprendono le basi del BLS, del diritto internazionale umanitario, degli interventi nel sociale, delle prime nozioni di pronto intervento nelle emergenze e, sopratutto, il messaggio universale di Croce Rossa che si riassume nei 7 principi fondamentali che contraddistinguono la nostra associazione.

Sono stati anche consegnati gli attestati a coloro che, dopo un impegnativo corso e tirocinio, hanno conseguito la qualifica di soccorritore (TSSA): nuove energie che andranno ad affiancare i tanti volontari che rendono possibile le numerose attività sanitarie di Croce Rossa, a partire dal 118 ma non solo.

Auguriamo a tutti una lunga e significativa attività in CRI.

Alessandra Venturi

Foto: Paola Pollina

 

 

 

Attraverso il numero verde 800-065510, chiunque potrà ricevere risposte e soluzioni alle piccole emergenze quotidiane grazie alla solida rete territoriale dei nostri Comitati e alle centinaia di migliaia di Volontari pronti ad aiutare. Nessuno è solo e nessuno deve sentirsi solo, Croce Rossa è pronta a portare aiuto a chiunque si trovi in difficoltà nella vita quotidiana.

 

 

 

 

 

CRI persone banner sito resized

Caldo: il numero verde della Croce Rossa 800 - 065510 per rispondere all'emergenza

 


 
CRI per le Persone: la sala operativa attiva h24 per sostegno, assistenza e consigli in un periodo delicato come quello estivo
 
In quella che viene annunciata come l’estate piщ torrida degli ultimi anni, la Croce Rossa Italiana ha attivato CRI per le Persone: il numero verde gratuito 800 – 065510 h24 e sette giorni su sette per chiunque abbia bisogno di sostegno, assistenza e consigli con una particolare attenzione alle persone sottoposte a maggiori pericoli per la salute come bambini e anziani. Chiamando l’800 – 065510, l’utente riceve risposte e soluzioni alle emergenze grazie alla solida rete di Comitati in tutta Italia e alle centinaia di migliaia di volontari pronti ad aiutare in un delicato periodo dell’anno in cui и piщ difficile richiedere assistenza. La sala operativa nazionale, infatti, garantisce la presa in carico della richiesta attivando un contatto diretto e immediato con l’utente e il Comitato CRI piщ vicino o con servizi offerti da terzi, sia pubblici che privati. Gli operatori forniscono, inoltre, informazioni e consigli per difendersi dalle alte temperature.

La Croce Rossa, Associazione da sempre impegnata nella promozione della salute e stili di vita sani, ribadisce alcune indicazioni con particolare attenzione ai bisogni delle persone piщ fragili. Alle persone anziane con patologie croniche (cardiovascolari, respiratorie, neurologiche, diabete etc.) e a chi assume farmaci si consiglia di consultare il medico per un eventuale aggiustamento della terapia o della frequenza dei controlli clinici e di laboratorio (ad esempio per i diabetici и consigliabile aumentare la frequenza dei controlli glicemici), segnalare al medico qualsiasi malessere, anche lieve, che sopraggiunga durante la terapia farmacologica e non sospendere mai di propria iniziativa la terapia in corso. Infine, и importante conservare correttamente i farmaci: in frigorifero quelli per i quali и prevista una temperatura non superiore ai 25- 30°C e lontani da fonti di calore e da irradiazione solare diretta.

Fonte CRI

 

 

 

Solferino 2019 Come ogni anno, si è svolto a Solferino dal 17 al 23 giugno, il ritrovo dei volontari e degli operatori di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa provenienti da tutto il mondo.

Una settimana di workshop, lavori, confronti e festa hanno animato Solferino e i luoghi in cui Henry Dunant concepì l’idea di Croce Rossa, in seguito alla sanguinosa battaglia della seconda guerra di indipendenza, tra francesi e austriaci a cui parteciparono anche le truppe piemontesi.

Quel 24 giugno 1859 segnò l’inizio di un lunga storia che ha portato oggi Croce Rossa e Mezzaluna Rossa ad essere la più grande associazione di volontariato del mondo.

Durante il pomeriggio di ieri, 10.000 volontari e operatori si sono ritrovati ancora una volta nella storica piazza di Solferino per un momento di festa culminato nei discorsi commossi del Presidente Nazionale della Croce Rossa Italiana e della Federazione Internazionale delle Società Nazionali di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa Francesco Rocca e del Segretario Generale della Federazione Internazionale, Elhadj As Sy, che hanno voluto salutare tutti i presenti e sottolineare con forza quanto l’operato di Croce e Mezzaluna Rossa sia ancora più attuale e necessario in un momento storico che sembra voler negare ogni principio di Umanità, Sono stati poi letti, in molte lingue, i 7 principi che animano tutti gli appartenenti all’Associazione dovunque nel mondo: non si è trattato di auto-commemorazione ma di un momento universale per ribadire i valori in cui crediamo, senza ma e senza se, al di là di ogni confine, lingua, razza, sesso, religione….

Anche il Capo dello Stato Sergio Mattarella ha inviato il proprio saluto “.. a tutti gli operatori e i volontari di questa gloriosa associazione che nel tempo continua a esprimere i più alti valori di umanità, di solidarietà, di fraternità”. .. “la professionalità degli operatori e la generosità dei volontari sono diventati uno straordinario patrimonio per il nostro Paese, e per il mondo intero”.

La suggestiva fiaccolata che si snoda tra le colline tra Solferino e Castiglione delle Stiviere ha concluso in maniera sublime la giornata: le 10.000 fiaccole che illuminavano il cammino alla voce “Tutti fratelli” rimarrà per sempre nell’anima e nei cuori dei partecipanti. E dunque un saluto a tutti: “Arrivederci a Solferino 2020”.

Alessandra Venturi

 Solferino 2019

 

 

 

 

 

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente.